Come pulire a fondo la cucina

Prendetevi del tempo per pulire a fondo la vostra cucina: in questo modo, eviterete la proliferazione di batteri e microrganismi che possono nuocere alla vostra salute.
Come pulire a fondo la cucina

Ultimo aggiornamento: 01 febbraio, 2022

Pulire a fondo la cucina evita la proliferazione di batteri, funghi e microrganismi diversi che, senza che ce ne accorgiamo, si impossessano dei nostri utensili. Molti di essi iniziano persino ad aderire alle pareti, ai panni e alle spugne. Alcuni possono essere così pericolosi che, se entrano nel cibo, causano diarrea e mal di stomaco.

Successivamente, vi diremo come eseguire una pulizia accurata che riduca al minimo le possibilità che la vostra salute e quella della vostra famiglia vengano compromesse.

I nostri consigli per pulire a fondo una cucina

Molti penseranno che non è necessaria scienza per pulire una cucina, ed è vero. Tuttavia, dopo aver letto questo articolo vi renderete conto che ci sono spazi e utensili che spesso vengono trascurati, dove i batteri alloggiano senza che ce ne rendiamo conto.

Un esempio sono le spugne per lavare i piatti; ogni quanto lavate le vostre? Per non dimenticare di includere questo elemento, vi diciamo che ci sono studi che indicano che le spugne ospitano batteri mesofili aerobici e coliformi fecali, tra gli altri.

Continuate a leggere per scoprire come eseguire una pulizia profonda della vostra cucina.

Pulire la cucina: disinfettare gli armadietti

Armadi puliti.

Preparate articoli per l’igiene di base come: spugne, panni puliti e asciutti, prodotti disinfettanti e spazzole. Iniziate il lavoro di pulizia con i pensili superiori della cucina, che dovrebbero essere lucidati dentro e fuori. In questo modo, garantirete che non ci sia polvere che si accumula ad ogni dimenticanza.

Assicuratevi di pulire cassetto per cassetto e ponete particolare enfasi sugli angoli; ricordate che dove meno pensate possono annidarsi batteri e funghi. Gli elementi più indicati per la pulizia sono i panni, un po’ di acqua e sapone, nulla che influisca sul materiale dei cassetti.

Infine, assicuratevi che tutto sia asciutto per evitare l’umidità, che attira anche i funghi.

Non dimenticare l’estrattore di profumo

Continuando con gli elementi cucina che si trovano nella parte alta della cucina, troviamo l’aspiratore odori o la cappa aspirante. Questi tendono ad accumulare molta polvere e grasso, soprattutto sulla parte superiore.

Per lasciarli molto puliti, è necessario utilizzare un prodotto sgrassante, soprattutto quando non sono stati puliti per molto tempo. Inoltre, dovete smontare alcune parti come il coperchio che li ricopre, come abbiamo spiegato in un articolo che abbiamo dedicato alla pulizia della cappa aspirante della cucina.

Pulire i fornelli a gas

Igienizzare i bruciatori a gas.

Avete provato in mille modi a rendere come nuovi i vostri fornelli a gas senza ottenere un buon risultato? Vi consigliamo di utilizzare bicarbonato di sodio e aceto. Fate un impasto con questi due ingredienti fino a creare una sorta di pasta; dopodiché spalmatelo sugli elementi e lasciatelo agire per circa 10 o 15 minuti, a seconda della quantità di sporco e residui attaccati.

Usate una spazzola morbida ma ferma per strofinare e rimuovere la pasta che laverà via i residui. Noterete quanto sono puliti i fornelli. Ora, se l’odore dell’aceto vi sembra forte e non vi piace, spremete dei limoni da pulire con un panno asciutto. Questo prodotto naturale lascerà un delizioso aroma e aiuterà a disinfettare l’area.

Controllate molto bene i fori di uscita del gas dei fornelli, perché se sono intasati si possono avere seri problemi tecnici.

Sanificare il frigorifero

Il frigorifero è uno degli elettrodomestici più importanti in cucina. Non solo mantiene freschi cibi e bevande, ma li mantiene freschi più a lungo. Pertanto, è necessario che questo dispositivo sia sempre pulito e disinfettato, poiché tutto ciò che esce da lì finisce sulla nostra tavola.

Dovreste pulire il frigorifero almeno una volta al mese. Idealmente, fatelo ogni 15 giorni. Seguite questi passaggi per pulire a fondo:

  • Scollegate il frigorifero.
  • Rimuovete ciascuno degli alimenti.
  • Usate un panno inumidito con aceto e raggiungete ogni angolo.
  • Una volta pulito, potete rimettere tutto al suo posto.
  • Se volete pulire il cibo, usate un panno nuovo con dell’aceto.

Rifinire le pareti, le piastrelle e il pavimento

Cucina con piastrelle bianche e blu

Per finire di pulire a fondo la cucina è necessario spazzare e lucidare molto bene pareti, piastrelle e pavimenti. Queste aree si sporcano anche con polvere, grasso e batteri. Ci sono alcuni prodotti chimici per la pulizia, ma è meglio andare sul biologico o sul naturale.

Per prima cosa, dovete applicare il prodotto che avete scelto sulle zone da pulire, lasciarlo agire per qualche minuto e poi strofinare con una spazzola o una spugna speciale per questo tipo di superficie. Passate un panno pulito per rimuovere il residuo, e ricordatevi di lavarlo ad ogni passaggio.

Infine, strofinate con un panno nuovo un po’ di aceto, che finirà di sciogliere il grasso e disinfettare. Provate a lavare queste aree una o due volte al mese per evitare che la miscela di sporco si impregni e sia più difficile da rimuovere.

Pulire a fondo una cucina non è mai stato così facile

Come avete avuto modo di vedere, pulire a fondo la cucina è molto facile e diretto. Dovete solo prendervi il tempo per pulire ogni cassetto e ogni utensile. Potete utilizzare prodotti specializzati o farlo con il supporto di sapone, acqua e prodotti naturali come aceto, limone e bicarbonato.

Potrebbe interessarti ...
Come pulire il lavello della cucina: i nostri consigli
Decor Tips
Leggi in Decor Tips
Come pulire il lavello della cucina: i nostri consigli

Pulire il lavello della cucina è molto importante per la salute della famiglia, quindi condividiamo alcuni consigli che saranno molto utili.



  • Zárate, N., Cowan, C., Román, C., & Lombardo, G. (2020). Contaminación bacteriana de esponja de lavado y bachas de cocina de cantinas de escuelas de asunción y gran asunción. Pediatría (Asunción), 47(2), 94-99.