Wes Anderson e le sue lezioni di decorazione

01 agosto, 2020
Wes Anderson non è un semplice regista, ma anche un maestro nell'uso dei colori e degli abbinamenti. Scopriamo i suoi trucchi per migliorare anche l'arredamento di casa nostra.
 

Nel mondo del cinema possiamo trovare dei veri maestri della cinepresa, della recitazione, della fotografia, ma anche della decorazione. L’estetica è una parte fondamentale dei film e ci sono dei registi con un talento speciale nella gestione dei colori e delle forme. Wes Anderson, regista di Grand Budapest Hotel, è uno di loro.

Questo grande regista in ogni suo film ci offre delle lezioni sulla creazione delle ambientazioni. Scopriamole per usarle anche a casa nostra.

Decifrare Wes Anderson

Scala di colori in un film di Wes Anderson.
Wes Anderson / wesandersonpalettes.tumblr.com

Le tre chiavi per comprendere Wes Anderson nelle sue lezioni di decorazione sono: una gestione impeccabile della palette di colori, un dono innato per le proporzioni e le simmetrie e un’estetica dal tono nostalgico. Indipendentemente dal fatto che vi piacciano o no i suoi film, Anderson è diventato un punto di riferimento per quando riguarda la decorazione.

È così importante che ci sono tante pagine su internet dedicate alla ricerca della sua estetica. La più famosa è quella di Wally Koval, che potete seguire su Instagram su @AccidentallyWesAnderson. Se volete potete inviargli le vostre foto in stile Wes.

 

L’arte del colore per Wes Anderson

Palette di colori in una scena di un film di Wes Anderson.
Utilizzo dei colori / wesandersonpalettes.tumblr.com

Se c’è qualcosa che identifica questo regista, è l’uso dei colori e la capacità di abbinarli. Chi vede i suoi film sa che predilige i toni pastello. Tuttavia, utilizza anche i marroni, i grigi e il nero. Ne è un esempio il suo film L’isola dei cani.

Per vedere il suo prezioso lavoro con i colori basta fare una visita all’account Tumblr Wes Anderson Palettes, dove potrete apprezzare il suo eccellente lavoro non solo in ogni film, ma addirittura in ogni scena.

Dai rosa dell’invitante pasticceria del Grand Budapest Hotel, ai gialli e verdi oliva di Moonrise Kindom -Una fuga d’amore, passando per l’ocra di Fantastic Mr. Fox, il color senape di Gwyneth Paltrow in I Tenenbaum o i verdi, i blu e i gialli de Il treno per Darjeeling.

Ciò che provoca attraverso l’uso dei colori è pura sinestesia, quella reazione dei nostri sensi attraverso la quale evochiamo emozioni senza aver bisogno delle parole.

Una simmetria libera

Concierge del film Grand Budapest Hotel.
Simmetria / wesandersonpalettes.tumblr.com
 

Un’altra caratteristica che rappresenta il regista è la geometria. Non dovete pensare, però, che le sue inquadrature siano uniformi e che tutto sia specularmente identico, noioso e inquadrato.

Qui sta la sua genialità. Riesce a creare delle ambientazioni ordinate e perfette che hanno un senso all’interno della storia. I suoi set sono come delle piccole cartoline piene di dettagli. Ogni tavolo, ogni libreria, ogni parete è un mondo a sé.

Un’atmosfera retrò

Borse sulla spiaggia con un giradischi.
Atmosfera retrò / wesandersonpalettes.tumblr.com

La nostalgia per il passato è il terzo elemento presente nell’estetica di Wes Anderson. Tutto ha un’atmosfera retrò, anche se, qua e là, sono presenti degli elementi moderni.

Cerca dei pezzi classici, oggetti d’antiquariato che evocano i viaggi, ognuno con un preciso significato. Non importa quanto carica possa sembrare la decorazione, non ci sarà mai un oggetto che non abbia un significato.

Effetto Wes Anderson, lezioni di decorazione domestica

Salotto retrò con divano rosa.
 

Forse, dopo aver letto questo righe, vi starete chiedendo come è possibile applicare questi principi per la decorazione della vostra casa. Non è così difficile come pensate.

Per iniziare, dovete scegliere bene la palette di colori. Potete consultare le proposte del regista nei riferimenti che vi abbiamo dato. Ma se volete delle informazioni in più, potete andare su Tumblr Film Palette o su Film Palette dove troverete degli esempi su altri film come Titanic, Pulp Fiction, Orgoglio e Pregiudizio e molti altri ancora.

Inoltre, potete dare un tocco vintage alla vostra decorazione attraverso l’uso di mobili, lampade e persino i tessuti. Un aspetto importante è aver cura delle proporzioni, dell’ordine e della simmetria. Ad esempio, potete collocare due tavolini nel soggiorno e uno scaffale per lato sullo sfondo.

Provate ad essere dei registi a casa vostra, a riempirla di sensazioni attraverso l’uso del colore e della distribuzione degli spazi. Approfittate delle lezioni di decorazione che Wes Anderson ci offre in ogni suo film e fatele vostre.