Idee per l'arredamento delle zone comuni

11 settembre, 2020
Le zone comuni sono degli spazi pubblici che condividiamo con le altre persone. Che si tratti dell'androne o dell'ufficio, questi ambienti devono essere arredati in modo appropriato.
 

Che si tratti dell’androne di un edificio, della hall di un hotel o della sala d’attesa di uno studio medico, conoscere i principi che regolano l’arredamento delle zone comuni è fondamentale. Infatti, le zone comuni sono il preambolo di ciò che troveremo all’interno, ovvero il primo contatto con l’arredamento di un luogo.

A tutti piace sentirsi a proprio agio negli ambienti, anche in una sala d’attesa. Questa sensazione di comfort si ottiene attraverso la decorazione: che sia funzionale o estetica, deve comunque mirare a farci stare bene.

Per questo motivo, prendersi cura dell’arredamento delle zone comuni è il modo migliore per fare una buona impressione. Il più delle volte questi dettagli vengono sottovalutati, ma in realtà giocano un ruolo molto importante.

Zone comuni: come decorare un androne?

Ingresso di un edificio.

La decorazione di un androne può essere più o meno elaborata. Molte volte, dipende dallo stato di conservazione dell’edificio o dall’interesse degli inquilini a rendere questo ambiente confortevole. Ad ogni modo, i vantaggi di un ingresso ben arredato sono notevoli.

Infatti, non c’è niente di meglio che tornare a casa e sentirsi a proprio agio non appena varcata la porta, lasciando i rumori della strada dietro di noi ed entrando nel nostro spazio privato.

Da un lato, l’arredamento può essere funzionale, cioè arricchito solo dalla decorazione murale attraverso la pittura o i marmi (superfici nude) e dall’illuminazione dove necessaria.

 

D’altra parte, è possibile applicare delle risorse sulle pareti: specchi, dipinti, e perché no, delle sculture da posizionare su basi, vasi o bicchieri. Se poi volete decorare in modo ancora più ricercato, i tappeti e le piante sono un must.

L’aspetto delle zone comuni la dice lunga sulle persone che ci vivono.

Zone comuni: la hall di un hotel

Hall in stile moderno.

Chi soggiorna in un hotel, si aspetta che ci sia un’atmosfera piacevole ovunque, sia nelle zone comuni, nella hall, e ovviamente in camera. Per raggiungere questo livello di comfort, l’arredamento deve essere incentrato sull’austerità e sulla professionalità.

  • Negli alberghi c’è sempre una sala di disimpegno tra i corridoi e le camere da letto, che di solito coincide con l’uscita dell’ascensore. È qui che bisogna prendersi cura dell’estetica e impostare l’ambiente in modo che sia confortevole.
  • I tappeti negli hotel sono una risorsa essenziale: attutiscono i passi sul pavimento e danno colore agli ambienti.
  • Né possono mancare i mobili sui lati che sostengono oggetti decorativi, quadri o specchi.
  • Se si tratta di un hotel di lusso, non esitate a posizionare una lampada centrale con dei colori glamour: alcuni esempi sono l’oro e l’argento.
  • Anche la musica di sottofondo riveste un ruolo non indifferente nelle zone comuni, perché aiuta a creare una buona atmosfera in generale.

L’arredamento ideale per l’ufficio

Sala riunioni di un ufficio.
 

Gli uffici sono pieni di zone comuni. In realtà, si può affermare che si tratta delle zone comuni per eccellenza. E poi si sa che le stanze degli uffici destinate al pubblico sono il modo migliore per riflettere la professionalità dell’azienda.

  • Se il fine ultimo è la funzionalità, vi consigliamo di arredare solo con dei mobili da ufficio: scrivanie e armadietti. Invece, se volete dare un tocco più interessante agli ambienti, provate con i colori accesi per le pareti, o con la carta da parati con motivi decorativi.
  • Una piacevole illuminazione calda farà sempre la sua figura.
  • È importante assicurare il massimo comfort possibile ai clienti, quindi le poltrone, le sedie imbottite e i divani devono il fulcro dell’arredamento.
  • Arricchire lo spazio con aromi e piante è il modo migliore per trasmettere freschezza e buone sensazioni.

La cura dei dettagli è il modo migliore per raggiungere il successo.

E in uno studio medico?

Zone comuni. Clinica medica con arredamento bianco.

Che si tratti di odontoiatria, fisioterapia o qualsiasi altro tipo di studio medico, è importante che prima di trasferirsi in uno spazio più privato, il pubblico abbia un contatto positivo con l’ingresso e la sala d’attesa.

Nella reception la ricerca mira alla funzionalità, ma vale la pena dare alcuni tocchi decorativi che forniscono carattere all’ambiente. Lo stesso vale per la sala d’attesa: bisogna far sentire i clienti come se fossero a casa propria.

Potrebbe sembrare una sciocchezza, ma quando l’arredamento delle zone comuni genera una sensazione piacevole nelle persone, si traduce in maggiori profitti, poiché probabilmente saranno invogliati a ripetere l’esperienza.