Come prendersi cura del piano di lavoro della cucina

Se vi state chiedendo come prendersi cura del piano di lavoro della cucina, la risposta risiede nel tipo di materiale di cui è fatto.
Come prendersi cura del piano di lavoro della cucina

Ultimo aggiornamento: 25 agosto, 2021

Se vi state chiedendo come prendersi cura del piano di lavoro della cucina, abbiamo consigli generali e specifici, a seconda del materiale di cui è fatto. In questo modo, il vostro piano di lavoro apparirà nuovo ancora per molto. Non è meraviglioso?

Se lo pensate anche voi, continuate a leggere e imparate come prendervene cura per prolungarne la vita utile.

Come prendersi cura del piano di lavoro della cucina

Il piano cottura è uno degli elementi più importanti della cucina, quindi è molto utile imparare a prendersene cura e mantenerlo in ottime condizioni. Anche perché è costoso cambiarlo regolarmente o abbastanza deludente danneggiarlo quando è nuovo.

Qui di seguito vi lasceremo alcuni suggerimenti su come prendersi cura del piano di lavoro che dovrebbero essere presi in considerazione. Questo, indipendentemente dal materiale di cui è fatto. Prendete nota!

Non tagliare direttamente sul piano di lavoro

Usa un tagliere.

Alcune persone non amano i taglieri e sono tentate di tagliare il cibo direttamente sul bancone, cosa sconsigliata. Anche se il materiale è resistente ai graffi, ripetere questa attività più e più volte può logorare il rivestimento, causandone il deterioramento.

Evitare di posizionare utensili molto caldi

Un’altra delle pratiche più comuni in cucina è quella di appoggiare pentole e altri utensili molto caldi sul bancone. Tuttavia, anche questo non è raccomandato. La cosa migliore che potete fare è acquistare e utilizzare alcuni protettori di calore in modo da non dovervi preoccupare di danneggiarli.

Attenzione ai prodotti per la pulizia!

La prima cosa da dire sulla pulizia del piano di lavoro è che dovrebbe essere eseguita quotidianamente. L’importante è identificare il materiale degli utensili e dei prodotti che utilizziamo per evitare quelli abrasivi e che possono danneggiarlo. Ad esempio, i tamponi abrasivi come quelli metallici possono creare graffi e opacizzarne la lucentezza.

Ora, prestate attenzione ai prodotti chimici o ai prodotti per la pulizia che usate. Gli sgrassatori, che sono quelli che utilizziamo di più, hanno le loro istruzioni per l’uso e le superfici su cui possono essere utilizzati sulle loro etichette. Quindi controllate queste informazioni per evitare di usarne una dannosa per il vostro piano di lavoro.

I disinfettanti a base di candeggina o cloro possono anche danneggiare la superficie del bancone della cucina con un uso a medio e lungo termine. Usateli solo quando ne avete veramente bisogno, non quotidianamente.

Come prendersi cura del piano di lavoro della cucina: assicurarsi che non ci sia umidità

Prenditi cura del rivestimento del piano di lavoro.

La cucina è, di per sé, uno spazio umido, soprattutto nelle zone vicino alla lavastoviglie, quindi è comune la presenza di batteri o microrganismi. Per questo motivo non è consigliabile lasciare pozzanghere d’acqua sul piano di lavoro, per evitare la sua proliferazione e perché non si rovini, a seconda del materiale.

Dopo aver utilizzato la cucina o averla pulita, asciugate sempre il piano di lavoro, utilizzate un panno asciutto e morbido.

Non strofinare il piano di lavoro!

Sembra qualcosa che nessuno farebbe, ma non lo è, quando il piano di lavoro si consuma, alcune persone credono che lucidandolo lo risolveranno. Tuttavia, non è questa la via d’uscita, anzi si possono perdere rivestimenti speciali che impediscono la fuoriuscita di liquidi e che proteggono la struttura in quanto tale.

Come prendersi cura del piano di lavoro della cucina in base al suo materiale

Usa prodotti per la pulizia delicati.

Oltre a imparare a prendervi cura in generale del piano di lavoro della vostra cucina, ci sono consigli specifici, a seconda del materiale di cui è fatto il vostro. Ve ne parliamo in queste ultime righe:

  • Marmo: i piani di lavoro realizzati con questo materiale sono porosi, ma piuttosto delicati. Evitate a tutti i costi l’uso di prodotti chimici e acidi per preservarlo. Si consiglia di utilizzare un sapone neutro, senza limone o aceto.
  • Legno: è un’opzione per quelle cucine in stile rustico, ma è caratterizzato da molta porosità. Non per questo dovreste escluderne l’utilizzo, esistono prodotti come oli speciali che aiutano a idratare e a mantenere chiusi questi pori. I materiali caldi possono lasciare segni, quindi evitateli.
  • Acciaio inossidabile: essendo una delle opzioni più resistenti e durevoli, è necessario evitare l’uso di prodotti abrasivi come le spugne metalliche.
  • Silestone: è uno dei materiali più utilizzati nei piani di lavoro, è sintetico, liscio e facile da pulire. Utilizzate prodotti a pH neutro.
  • Granito: è uno dei materiali più utilizzati nei piani cucina, è resistente ed estetico. La mancanza di pulizia può causare l’adesione delle macchie di grasso, ma è sufficiente un po’ di acqua e bicarbonato di sodio per pulirle.

Ora che sapete come prendervi cura del piano di lavoro della vostra cucina, sentitevi liberi di mettere in atto questi suggerimenti. In questo modo avrete un piano di lavoro come nuovo, anche se utilizzato già da diversi anni.

This might interest you...
Elettrodomestici indispensabili per la cucina più esigente
Decor Tips
Leggi in Decor Tips
Elettrodomestici indispensabili per la cucina più esigente

Gli elettrodomestici disponibili sul mercato sono infiniti. Tuttavia, la scelta migliore è sempre quella legata alle nostre esigenze.