Tipi di illuminazione per decorare la casa

L'illuminazione è una parte essenziale della decorazione. Scoprite quali tipi esistono e come potete incorporarli nella vostra casa.
Tipi di illuminazione per decorare la casa

Ultimo aggiornamento: 13 agosto, 2021

L’illuminazione non è solo una risorsa utile, ma è anche parte dell’estetica degli spazi e conferisce loro personalità e intenzionalità. Ne è un esempio la focalizzata o puntuale, una luce intensa utilizzata nelle aree di lavoro o negli oggetti che aumenta l’energia e la vitalità. Se state scegliendo le luci per la vostra casa, in questo articolo vi mostriamo quali sono i tipi di illuminazione esistenti, i loro usi ed effetti.

Tipi di illuminazione per decorare la casa: luce naturale

Tipi di illuminazione decorativa

Parlare di illuminazione naturale significa pensare ai raggi del sole che entrano dalle finestre. Tuttavia, anche il fuoco, le stelle e la bioluminescenza di animali, piante e altri organismi sono considerati fonti di luce naturale.

Ora, se ci concentriamo solo sulla luce che riceviamo dal sole, possiamo evidenziare una serie di benefici. Innanzitutto, è gratuito e consente di risparmiare sulla bolletta della luce.

In secondo luogo, può avere effetti sulla salute come migliorare la qualità del sonno e ridurre la depressione. Terzo e ultimo, perfette di utilizzare gli altri tipi di illuminazione come rinforzo per le aree che non sono raggiunte dai raggi del sole. 

Illuminazione generale

L’illuminazione generale è la luce di base o principale in una stanza. Si caratterizza per essere omogenea; in altre parole, distribuisce la luce in modo uniforme. Allo stesso modo, queste lampade o applique solitamente trascorrono gran parte della giornata accese, motivo per cui si consiglia di utilizzare lampadine a basso consumo.

Illuminazione ambientale tra i tipi di illuminazione migliori

Ci sono molti che confondono questo tipo di illuminazione con quello precedente. Ma la differenza è che la luce ambientale è più debole e la sua funzione non è quella di fornire visibilità alla stanza. Al contrario, cerca di creare un’atmosfera piacevole e accogliente.

In tal senso, la luce ambientale potrebbe essere utilizzata anche per delimitare spazi diversi. Ad esempio, si possono accendere le luci ambientali per creare un’atmosfera più romantica durante una cena in sala da pranzo.

Illuminazione decorativa

Si concentra sul mettere in risalto un oggetto o una zona della casa, e renderlo protagonista. Può essere il caso di un dipinto, una scultura, una vetrina, un acquario, una fontana da giardino, tra gli altri.

Illuminazione focalizzata

Di solito è la più intensa, poiché viene utilizzata per illuminare un luogo in cui si svolge un compito o un’attività. Ad esempio, l’ufficio, la sala da pranzo o il bagno. Allo stesso modo, è consigliabile che la lampada sia una che non tende a surriscaldarsi. Questo può creare molto calore e rendere il compito scomodo.

Illuminazione funzionale

Corrisponde alle luci che vengono poste nei corridoi e negli armadi. Per ridurre il consumo di energia elettrica, si consiglia di utilizzare lampadine a LED o a risparmio energetico. Allo stesso modo, è ideale per installare sensori di movimento o di apertura.

Illuminazione cinetica

Come suggerisce il nome, è una luce in movimento. Alcuni esempi che potreste trovare a casa e che non conoscete includono candele e fuoco nel camino. Per questo motivo è ritenuta perfetta per creare un’atmosfera intima e rilassante.

Illuminazione in base al flusso

Tipi di illuminazione, tutti sono importanti

L’illuminazione è anche classificata in base al flusso di luce che raggiunge l’ambiente. Discutiamo maggiori dettagli di seguito:

  • Diretto: è caratterizzato da un fascio di luce che punta direttamente sull’oggetto o sull’area interessata, che ne consente l’utilizzo al 100%. Allo stesso modo, può essere trovato nell’illuminazione generale, decorativa e specifica. Essendo offerto da lampade a sospensione, faretti da incasso, lampade da terra, tra gli altri.
  • Semi-diretto: è una luce diretta con un diffusore o un vetro traslucido, che fa sì che l’oggetto o la superficie riceva solo tra il 20 e il 40% della luce. È comune trovarlo nelle camere da letto, nei corridoi, e nelle terrazze.
  • Indiretto: dispone di un accessorio che fa arrivare il 100% della luce alla parete, in modo che l’illuminazione sia data da un effetto riflesso. Inoltre, è popolare nei bar e nei ristoranti.
  • Semi-indiretto: è quello in cui la luce diretta all’oggetto o all’area ha un diffusore, ma quella che punta al soffitto viene inviata direttamente. Viene spesso utilizzato in cortili, giardini e terrazze.
  • Misto. Dirige il 50% di luce diffusa verso il soffitto e il 50% di luce diffusa verso l’oggetto o l’area interessata. Tuttavia, sebbene i suoi usi siano limitati a causa della sua opacità, si può trovare nei bar, nelle discoteche e persino nelle camere da letto e nei bagni.

Tipi di illuminazione, tutti sono importanti

L’illuminazione è essenziale per la decorazione. Non solo può far sembrare diverso il dipinto che scegli, ma può anche migliorare quello che avete acquistato e che amate così tanto. E se andiamo ancora oltre, può aumentare la vostra produttività e persino migliorare la vostra salute. Se non avete integrato questi tipi di illuminazione nella vostra casa, considerate di farlo e noterete il cambiamento.

Potrebbe interessarti ...
Matrimonio al chiuso: i segreti dell’illuminazione
Decor Tips
Leggi in Decor Tips
Matrimonio al chiuso: i segreti dell’illuminazione

Se volete dare un aspetto rustico al vostro matrimonio al chiuso, potete scegliere delle semplici ghirlande di lampadine per illuminare la festa.



  • Boubekri, M., Cheung, I. N., Reid, K. J., Wang, C. H., & Zee, P. C. (2014). Impact of windows and daylight exposure on overall health and sleep quality of office workers: a case-control pilot study. Journal of clinical sleep medicine : JCSM : official publication of the American Academy of Sleep Medicine, 10(6), 603–611. https://doi.org/10.5664/jcsm.3780