L'equilibrio dello stile orientale

03 marzo, 2019
Arredare una casa non è mai semplice, ma se cercate atmosfere piene di equilibrio e armonia, in questo articolo vi diremo come farlo in stile orientale.
 

Oggi vi guideremo alla scoperta di un tipo di arredamento assai spirituale, molti caratteristico e che si discosta dai canoni dell’interior design di oggi. Stiamo parlano dello stile orientale, che si ispira alla decorazione zen ed è molto influenzato dalla cultura cinese e giapponese. È uno stile decorativo esotico e sereno. Si basa sull’ordine, offre spazi ampi, luminosi e ben distribuiti. È uno stile che trasuda misticismo, armonia e relax.

Se state cercando un modo particolare per decorare la vostra casa, e vi piacciono gli spazi tranquilli, armonioso, semplici e che trasmettono equilibrio, non esitate a scegliere lo stile orientale. Avrete successo scegliendo questa tipologia di decorazione. In questo articolo vi spiegheremo tutto ciò che bisogna sapere per trasformare il vostro appartamento in una vera dimora zen.

Come con tutti gli altri stili, potrete personalizzare lo stile orientale in base alle vostre esigenze. Ricordate che ci sono alcune regole di base che occorre seguire, per ottenere quell’aspetto orientale. Ci riferiamo, soprattutto al colore delle pareti, al tipo di mobili, alla distribuzione dello spazio, alla luce e agli accessori decorativi.

I colori dello stile orientale

Salotto in pieno in stile orientale
 

Una delle chiavi più importanti per decorare la casa in stile orientale riguarda la scelta dei colori. Solamente una tonalità verrà presa come principale e dovrà predominare sugli altri. Il suo ruolo principale sarà quello di definire e abbellire le pareti della stanza.

Potete giocare con una vasta gamma di colori, purché siano intensi e coerenti. Vi consigliamo di privilegiare sfumature di turchese o viola, che sono i più classici dello stile orientale.

Ma non è solo una questione di gusti: in questo stile di decorazione d’interni i colori acquisiscono anche un significato ben definito. Ogni tonalità, ogni dettaglio cromatico rappresenta i cinque elementi della natura che consentono all’essere umano di raggiungere l’equilibrio.

  • I colori caldi, come i gialli, rappresentano la luce.
  • Quelli rossi simboleggiano il fuoco e la fiamma della buona fortuna.
  • Gli arancioni rappresentano lo stimolo, essendo adatti per il soggiorno, il salone e la sala da pranzo.

Anche i colori freddi hanno il loro significato:

  • Il bianco simboleggia l’ordine, la calma e la tranquillità.
  • Gli azzurri simboleggiano il cielo e l’acqua e sono usati per bilanciare gli spazi e fornire loro calma e freschezza.
  • I colori verdi rappresentano il significato della vita e dell’equilibrio.

I bianchi vanno scelti per le aree di lavoro, quelli blu per i bagni. Per la sala da pranzo userete i toni arancioni e rossi. Per le camere da letto vanno bene anche il blu e il verde, indistintamente.

 

I mobili in stile orientale

Letto in stile orientale

I mobili in stile orientale sono fondamentali per arredare la vostra casa. Questo stile dà rilevanza ai mobili bassi. Infatti, non c’è posto per grandi boiserie fino al soffitto, si privilegiano mobili a metà parete. I tavoli hanno delle gambe basse e corte. Questo tema viene ripetuto nelle camere da letto, dove i letti vengono sostituiti dai caratteristici futon.

Devono essere scelti con linee semplici e armonizzati con la purezza dei colori. Il segreto? Pochi mobili ma di grande impatto visivo. Questo stile predilige i mobili in legno di olmo, teak o tamarindo e meglio ancora se scelti con sfumature di rosso, arancione, nero o anche blu intenso.

Spazio e luce nello stile orientale

Soggiorno giapponese

Lo stile orientale è caratterizzato da ampi spazi con un’apertura verso l’esterno nelle aree comuni, ma garantisce massima privacy agli spazi personali. Particolare importanza è data al pavimento, che viene evidenziato con tappeti orientali che, oltre a decorare, delimitano geometricamente gli spazi.

 

L’illuminazione è molto importante nello stile orientale. La luce calda e indiretta predomina, dal momento che serve per trasmettere intimità, relax e sensualità. Anche le candele vengono spesso utilizzate, contribuiscono a rendere gli ambienti accoglienti e caldi.

Per il Feng Shui, la luce è un elemento yang positivo ed è uno strumento efficace per ottenere simmetria ed equilibrio nei volumi.

Gli accessori decorativi dello stile orientale

Ceramiche cinesi su tavolino

Gli accessori decorativi sono particolarmente interessanti in questo stile. Anche in questo caso, si tratta di pochi pezzi ma con alto valore estetico. Dipinti di stile orientale, ceramiche, vasi o sculture importanti, fiori, vassoi e cuscini in toni bilanciati, vi permetteranno di accompagnare mobili e tappeti.

Lo stile orientale predilige gli elementi della natura: acqua, pietre, piante, incenso e candele non possono assolutamente mancare. Anche solo un grande vaso con pietre e acqua all’interno, può bastare.

Ricordate quanto già detto: per decorare la casa in stile orientale dovrete includere pochi oggetti ma ben scelti. Vengono creati degli spazi che evocano il silenzio e l’introversione. La semplicità delle forme di tutti gli elementi, con il contrasto dei colori sorprendenti, trasformerà ogni stanza in una vera opera d’arte.