Le architette e designer dimenticate del Bauhaus

Il Bauhaus è oggi noto soprattutto per i suoi principali esponenti maschi, ma furono moltissime le artiste che vi presero parte e che ebbero una grane importanza nel mondo del design e dell'architettura.
Le architette e designer dimenticate del Bauhaus

Ultimo aggiornamento: 27 aprile, 2021

A cento anni dalla fondazione del Bauhaus, importante scuola di architettura e arti applicate, è ora di scoprire alcune grandi designer e architette cadute nell"oblio. Queste donne, per la maggior parte emancipate e con una vocazione artistica, si iscrissero attratte dal centro educativo più progressista del loro tempo.

Le promesse di uguaglianza lette negli opuscoli pubblicitari dell"epoca non avevano nulla a che fare con il vero atteggiamento all"interno della scuola. Questo era invece abbastanza ambiguo da parte degli insegnanti, e si aggiungeva all"invisibilità e al mancato riconoscimento pubblico del loro lavoro.

A riprova di ciò, molto è stato scritto sui grandi artisti del Bauhaus, come László Moholy-Nagy, Mies van der Rohe, Paul Klee o Wassily Kandinsky. Ma, al contrario, molto poco è stato scritto sul lavoro delle donne che hanno studiato e creato al Bauhaus e che sono ricordate solo come loro mogli.

Le artiste del Bauhaus erano moderne nelle idee e nello stile di vita, ruppero con il ruolo tradizionale delle donne di quegli anni. Portavano i capelli corti, indossavano i pantaloni, andavano al cabaret, ascoltavano jazz e vivevano la loro sessualità come preferivano.

Conosciute come ‘flapper ‘, queste giovani tedesche si ispiravano al prototipo della donna moderna che scoprivano grazie al cinema muto americano. La prima guerra mondiale aveva portato le donne a lasciare le proprie case per occupare i posti lasciati dagli uomini reclutati al fronte. E le donne del Bauhaus non erano che un"altra incarnazione di questo spirito di progresso.

In riconoscimento del loro lavoro e del contributo di queste artiste di avanguardia nello sviluppo del design e dell"architettura, ne abbiamo selezionate alcune.

Le architette e designer dimenticate del Bauhaus: Friedl Dicker

Pittura di Friedl Dicker.
Friedl Dicker / twitter.com/musoftolerance

Una delle prime studentesse a iscriversi al Bauhaus, e forse una delle più brillanti in assoluto ad aver frequentato la scuola. Già all"interno del Bauhaus, avrebbe formato insieme a Franz Singer, Anny Wottitz e Margit Tery, il noto gruppo dei “viennesi" (un gruppo di studenti che provenivano dalla scuola d"arte di Vienna).

Dedicò il suo tempo di studio al Bauhaus alla legatoria, alla tipografia e ai laboratori tessili, realizzando marionette e litografie. Fu molto influenzata da Paul Klee, che nel 1920 entrerà a far parte del Bauhaus.

Purtroppo, Dicker smise di frequentare la scuola prima di aver terminato gli studi, per cui non ricevette alcun tipo di diploma. Ma questo non fermò il suo genio creativo, che la portò a sviluppare una brillante carriera in vari campi, come l"architettura, il design di mobili e l"insegnamento.

A Vienna fondò uno studio di architettura insieme a Franz Singer e insieme svilupparono un gran numero di progetti architettonici e di design.

Marianne brandt

Teiera Marianne Brandt.
Marianne Brandt / eldiario.es

Grazie a una mostra che il Bauhaus tenne nel 1923 per mostrare il talento dei suoi studenti, Marianne scoprì l"esistenza di questa scuola. Nello stesso anno si iscrisse al Bauhaus per approfondire il tema del design. Fu in questo ambito che sviluppò il suo talento fino al 1929, momento in cui si dimostrò più abile della maggior parte dei suoi colleghi.

Il suo talento la porterà a collaborare con lo studio Walter Gropius, oltre a lasciare una notevole eredità di oggetti di design. I suoi progetti si distinguono per essere oggetti pratici e utili per l"uso quotidiano, ma senza trascurare l"estetica, producendo alcuni dei migliori pezzi della storia del Bauhaus.

Dalle lampade ai set completi di caffè e tè, i suoi progetti in una marcata tendenza moderna e d"avanguardia continuano ad essere commercializzati, ispirando molti altri pezzi attuali.

Le architette e designer dimenticate del Bauhaus: Anni Albers

Arazzo Anni Albers.
Anni Albers / esdesignbarcelona.com

Annelise Fleischmann ricoprì la carica di direttrice del laboratorio tessile, in sostituzione di un grande punto di riferimento della scuola, Gunta Stölzl. Anni iniziò i suoi studi presso la scuola nel 1922 con la ferma intenzione di diventare pittrice. Ma in breve tempo scoprì, grazie ai fili e agli scarti del laboratorio tessile, di poter realizzare grandi opere d"arte con questi materiali.

La sua grande abilità in questo campo le permise di diventare, anni dopo, la prima donna e artista tessile ad esporre le sue opere in una mostra personale al MoMA di New York.

I suoi anni ai Bauhuas furono trascorsi a sperimentare nuovi materiali, come il cellophane, che le permise di creare un nuovo tessuto riflettente che assorbiva il suono. Prima di finire gli studi, sposò il giovane insegnante e suo ex studente, Josef Albers.

Con lui formerà una delle coppie artistiche più importanti del XX secolo. Dopo il trionfo dei nazisti e la loro ascesa al potere, nel 1933 il Bauhaus fu definitivamente chiuso. La coppia emigrò negli Stati Uniti, paese che li accolse e offrì loro la possibilità di continuare a sviluppare la loro arte.

Anni Albers imparò i doppi telai e il jacquard, iniziando così a concepire murales e arazzi su larga scala con disegni astratti sorprendenti e spettacolari.

Ise Gropius

Walter e Ise Gropius, Bauhaus.
Walter e Ise Gropius / gir.rs

Nota a molti come la signora Bauhaus, dal nome affettuoso di suo marito, Ise Gropius sbarcò al Bauhaus poco prima della mostra del 1923. Sposò Walter Gropius pochi mesi dopo la mostra.

Da quel momento in poi, Ise lavorò risolutamente al consolidamento della scuola, sostenendo il lavoro di Walter. Svolse compiti di organizzazione, redazione e segreteria del Bauhaus.

Quando Walter Gropius decise di dimettersi dalla carica di direttore della scuola, diventò coautrice di gran parte dei suoi testi, articoli e conferenze. Questo lavoro fu sempre riconosciuto dal marito.

Tuttavia, Ise Gropius ottennee un riconoscimento relativo, che non fu sufficiente per far pubblicare un suo importante articolo. La rivista americana The Atlantic Monthly rifiutò la pubblicazione perché promuoveva l'"idea orribile" delle donne lavoratrici.

Come abbiamo visto nella maggior parte dei casi, i nomi di queste artiste erano messi in ombra dai loro compagni maschi, e le loro opere furono attribuite al “Bauhaus “.

Inoltre, il riconoscimento del loro lavoro arrivò molto tardi, nonostante le loro brillanti carriere. Il nostro articolo vuole essere un piccolo contributo alla valorizzazione delle loro opere in quanto artiste e innovatrici che hanno plasmato la nostra epoca.

Potrebbe interessarti ...
I progetti di Lilly Reich: avanguardia e innovazione
Decor TipsRead it in Decor Tips
I progetti di Lilly Reich: avanguardia e innovazione

I progetti di Lilly Reich hanno dato al mondo dell'interior design degli spunti interessanti. La designer ha creato delle opere originali e innovative.