Il metodo Zettelkasten per mettere in ordine gli appunti

Avete mai sentito parlare del metodo Zettelkasten? Non è una novità, ma sembra che gli amanti dell'ordine abbiano trovato una nuova passione.
Il metodo Zettelkasten per mettere in ordine gli appunti

Ultimo aggiornamento: 16 aprile, 2021

Cosa vi viene in mente quando diciamo metodo Zettelkasten? Se non ne avete mai sentito parlare, drizzate bene le orecchie, prendete carta e penna e segnatevi i suoi principi, perché vi aiuterà ad essere più organizzati ed efficienti.

Interessante, no? In questo articolo, invece di darvi delle idee per organizzare e decorare gli ambienti, vi presentiamo un concetto finalizzato a raggiungere l"ordine mentale.

Che cos"è il metodo Zettelkasten?

Ragazza che studia.

Il metodo Zettelkasten è stato teorizzato per la prima volta dal sociologo tedesco Niklas Luhmann (1927-1998). Luhmann ha scritto più di 70 libri e 400 articoli accademici grazie all"uso di questo metodo. Produttivo, vero? La cosa più interessante è che non l"ha fatto con l"aiuto di un computer, ma grazie ad un metodo per prendere appunti intelligente.

Per comprendere meglio di cosa stiamo parlando, è necessario ricorrere all"etimologia della parola. Zettelkasten è una parola teutonica che può essere divisa in due parti: Zettel che significa nota o foglio di carta e Kasten che significa scatola. Pertanto, potrebbe essere tradotta come un “scatola degli appunti".

Tant"è che lo Zettelkasten di Luhmann era un mobile composto da sei torri da quattro cassetti di legno ciascuna. In ogni cassetto c"era una pila di appunti di carta. Attualmente, ci sono vari software basati su questo sistema che evitano l"uso di carta e scatole fisiche.

Cosa c"è di nuovo in questo metodo?

Se siete di quelli che scrivono le proprie idee su diversi quaderni e avete pezzi di carta appiccicati in tutta la casa, questo vi interessa. Sicuramente quegli appunti rimangono lì a raccogliere polvere. A volte li rileggete, ma raramente diventano utili.

Il problema è che non vi aiutano a trovare delle connessioni, il che sarebbe fantastico. Immaginate di leggere un libro su cui avete scritto alcune idee che pensavate fossero brillanti. Mesi dopo, avete letto un articolo in qualche modo correlato a quel libro.

Potreste anche aver visto un film che ha anche aggiunto qualcosa allo stesso approccio originale. Tuttavia, anche se avete preso appunti, è difficile trovare una correlazione tra queste idee. Quindi, finite per prendere appunti che non portano a nulla.

Il metodo Zettelkasten ci aiuta a fare queste connessioni. Per il suo creatore, era come un “secondo ricordo". Lo ha aiutato a organizzare le sue idee, a considerarne di nuove, a perfezionare meglio i suoi obiettivi e ad approfondire: è stato uno strumento di riflessione e ragionamento.

I pilastri del metodo Zettelkasten

 

Tastiera davanti il pc.

Per comporre ogni nota, Niklas ha usato un quarto di foglio di carta. Nella parte in alto a sinistra, stavo facendo una sequenza numerica e stavo aggiungendo rami e divisioni. Inoltre seguiva religiosamente i seguenti principi.

Una sola idea

Ciascuna delle note dovrebbe contenere solo un"idea. Ciò consente loro di essere correlate individualmente e in modo molto più preciso. Christian Tietze lo chiamava il “principio di atomicità".

L"autonomia di ogni nota nel metodo Zettelkasten

Ogni nota deve essere autonoma, cioè deve essere comprensibile da sola. Ciò consente alle note di essere spostate, elaborate, separate e concatenate in modo indipendente. Garantisce inoltre che le note rimangano utili, anche se la fonte originale delle informazioni scompare.

Le note devono essere collegate fra loro

Luhmann ha dichiarato: “Ogni nota è solo un elemento che trae la sua qualità dalla rete di collegamenti nel sistema. Una nota che non è collegata alla rete finirà per perdersi e sarà dimenticata dal metodo Zettelkasten". Pertanto, ogni nota che scriviamo deve essere correlata a un"altra; altrimenti diventerà inutile.

Usare le proprie parole

Analizzate le informazioni o l"idea prima di trasferirle sugli appunti. Inoltre, fatelo con le vostre parole. Così, quando le leggerete di nuovo, le capirete meglio.

Non preoccupatevi di categorizzare

Qui non ci sono gerarchie o categorie preconcette. L"organizzazione si sviluppa in modo organico. All"inizio può sembrare caotico, ma questo aiuta a evitare precondizioni o etichette pre impostate e porta ad un pensiero più libero.

Il metodo Zettelkasten presuppone una sintesi

Man mano che le idee iniziano a essere raggruppate in argomenti, create delle note di riepilogo. Una nota di riepilogo contiene una sequenza di collegamenti alle altre note.

Non cancellare nulla

Non cancellate le note obsolete: è meglio aggiungere nuove note che spieghino perché quelle vecchie non sono più valide. Solo così rifletteranno il modo in cui il vostro pensiero si è evoluto nel tempo.

Come abbiamo avuto modo di vedere, il metodo Zettelkasten è facile, ma richiede un po" di pratica. Se vi interessa il tema dell"organizzazione, potete leggere il libro per capirlo meglio. Lo trovate su Amazon.

Questo può rendervi una persona più ordinata, molto più produttiva e più creativa, poiché vi porta a pensare “fuori dagli schemi". Avete voglia di provarlo o pensate che sia troppo per voi?

Potrebbe interessarti ...
L"austerità decorativa, una nuova tendenza
Decor TipsRead it in Decor Tips
L"austerità decorativa, una nuova tendenza

L'austerità decorativa va in contro tendenza rispetto all'eccesso decorativo: le forme e le risorse vengono ridotte al minimo.